Menu

Ictus: cos’è e come si riconosce?

Un ictus è una carenza di ossigeno nel cervello (o parte del). Questa carenza può essere causata da un’ostruzione che blocca il sangue ricco di ossigeno. In quel caso parliamo di un infarto. Ma può anche verificarsi come risultato di un vaso sanguigno rotto o lacerato. Il sangue quindi non raggiunge tutte le parti del cervello, ma si accumula e preme sul tessuto cerebrale. Questa viene chiamata emorragia cerebrale. In più dell’80% degli ictus si verifica un infarto cerebrale. Nel restante 20% si tratta di un’emorragia cerebrale.

Cos’è un ictus?

Il termine medico per un ictus è cva: incidente cerebrovascolare. In altre parole: un incidente dei vasi sanguigni del cervello. Ogni anno, a quasi 14 milioni di persone viene diagnosticato un ictus. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il 60% di tutti gli ictus si verifica in persone di età inferiore ai 70 anni. Poiché una parte del cervello viene privata dell’ossigeno, un ictus può avere conseguenze importanti. È quindi fondamentale ricevere assistenza medica il più presto possibile.

TIA: ictus di breve durata

Se un ictus è temporaneo, allora si parla di TIA. TIA sta per Transient Ischemic Attack, un attacco di breve durata dovuto alla cattiva circolazione. Può durare mezz’ora, ma anche 24 ore. Anche se i sintomi scompaiono dopo un breve periodo, bisogna cercare soccorso medico. Questo perché può essere un precursore di un infarto cerebrale. Un TIA è quindi anche chiamato un ictus lieve o un precursore di un ictus.

Cause di un ictus

Un ictus, o cva, può avere diverse cause. Per esempio, un’emorragia cerebrale può verificarsi a causa di un’anomalia vascolare. Un punto debole in un vaso sanguigno può formare un rigonfiamento (un aneurisma) durante la vita di una persona. Più grande è il rigonfiamento, maggiore è il rischio che il vaso sanguigno si rompa. In un infarto cerebrale, l’arteriosclerosi è la causa più comune. I depositi di grasso e di calcio in un vaso sanguigno fanno sì che si formino dei coaguli. Questi possono ostruire il vaso sanguigno completamente o parzialmente. Un ictus può quindi avere diverse cause.

Alcuni fattori di rischio per un ictus:

  • Predisposizione ereditaria
  • Colesterolo alto
  • Sovrappeso
  • Fumo
  • Diabete
  • Alta pressione sanguigna
  • Troppo poco esercizio
L'immagine mostra le cause di un ictus: un infarto cerebrale o un'emorragia cerebrale.

Segnali di un ictus

I segnali più comuni di un ictus sono facilmente riconoscibili: una bocca storta, un discorso confuso e un braccio paralizzato. Tutti e tre questi sintomi si manifestano improvvisamente. Cioè, una persona può soffrirne da un momento all’altro. Altri segni possibili sono la perdita di forza, la paralisi di una gamba, gravi vertigini o la perdita di coordinazione. Anche la visione doppia, la cecità in un occhio o un campo visivo ristretto possono annunciare un ictus. Nel caso di un’emorragia cerebrale possono verificarsi anche mal di testa molto acuti.

Per il miglior recupero possibile, è importante iniziare il trattamento dell’ictus il più presto possibile. Ecco perché sia gli esperti di cuore che di cervello consigliano di chiamare immediatamente il 112 non appena si manifestano i sintomi di un ictus.

Un infarto senza accorgersene

Non è sempre ovvio vedere che qualcuno sta avendo un ictus. In questo caso, lo chiamiamo un ictus silenzioso. Un (piccolo) vaso sanguigno morirà lentamente, senza alcun sintomo visibile o tangibile. Il rischio di un ictus silenzioso aumenta con l’età ed è più alto nelle persone con demenza e in quelle che hanno già avuto un ictus in precedenza. Un recente studio dell’American Heart Association (Associazione Americana per la Salute) mostra che a volte si verificano sintomi nell’ictus silenzioso, ma questi vengono ignorati o non sono (direttamente) collegati ai sintomi noti.

Ictus: trattamento

Per minimizzare le conseguenze di un ictus, è importante iniziare il trattamento il prima possibile. Il modo in cui l’ictus viene trattato dipende dal suo tipo. Un TIA è un ictus di breve durata e quindi più facile da riconoscere. Ma la differenza tra un infarto cerebrale o un’emorragia cerebrale non è visibile. Solo in ospedale si può scoprire se si tratta di un infarto o di un’emorragia. A questo scopo i medici usano una TAC o una risonanza magnetica, in cui il cervello viene monitorato accuratamente.

Con un TIA, o ictus lieve, e un infarto cerebrale, è importante prevenire un nuovo ictus. Ciò può essere fatto con la prescrizione di farmaci per prevenire i coaguli di sangue, come gli anticoagulanti o gli agenti per abbassare la pressione sanguigna. Anche la causa, o le cause, dell’ictus saranno ricercate, in modo da poter pensare a un piano di trattamento specifico. A volte è necessaria un’operazione per liberare la vena colpita. Nel caso di un’emorragia cerebrale, il consiglio è di smettere di prendere gli anticoagulanti. Tuttavia, un medico può prescrivere farmaci per abbassare la pressione del sangue, perché anche la pressione alta può essere causa di emorragia cerebrale. Il trattamento dipende anche da dove si verifica l’emorragia. A volte è necessaria un’operazione per chiudere un aneurisma dall’interno o per chiudere un vaso sanguigno dall’esterno.

Conseguenze di un ictus

Quello che succede in un ictus dipende da dove avviene l’attacco. Il cervello ha 20 funzioni diverse, tra cui l’olfatto, il gusto e l’elaborazione del linguaggio. Un ictus può ridurre o addirittura disabilitare una o più funzioni. Tra le effetti, si può fare una distinzione tra conseguenze visibili e invisibili. Le conseguenze visibili di un ictus sono per esempio i problemi di deglutizione o di parola e la paralisi di una parte del corpo. Le conseguenze invisibili sono per il mondo esterno non chiare o non chiare del tutto. Alcuni esempi sono i cambiamenti nel comportamento e i problemi di concentrazione. Inoltre, dopo un ictus, il paziente può stancarsi più rapidamente.

Prevenire un ictus

Per prevenire un ictus, o almeno per ridurne le probabilità, è importante adattare il proprio stile di vita. Si pensi a fare abbastanza esercizio fisico e a mangiare sano. È importante anche mantenere un peso sano, smettere di fumare e fare attenzione al consumo di alcol. Con questi accorgimenti, si evita il rischio di pressione alta o di colesterolo alto riducendo il rischio di ictus. Alcuni farmaci possono anche aumentare il rischio di ictus, TIA o emorragia cerebrale. Durante una visita dal medico, è possibile misurare il colesterolo e la pressione e discutere anche i possibili fattori di rischio. Insieme si può pensare a un piano per prevenire un ictus.

Di più al riguardo salute

O torna indietro al tema: Salute